Ricevi una consulenza sul tuo sito, business o idea in 72 ore con MTW. Clicca qua.

Come guadagnare con gli NFT

Se vuoi iniziare a guadagnare con gli NFT, ti porto alla scoperta di questo nuovo mondo, esploso quest'anno e in costante crescita sul web.

Sai che una immagine in formato GIF è stata recentemente venduta all’asta per 503.070€? Se non hai idea di che cosa è una GIF, trattasi di una semplicemente immagine in movimento.

Esatto, una di quelle usate nei social network per abbellire foto o storie su Instagram.

Se non trovi alcun senso in questo enorme acquisto, dovresti cominciare ad esplorare il mondo dell’arte digitale unita alle cripto valute, ovvero i tanto discussi NFT.

L’arte digitale sta subendo una rinascita in questo periodo, grazie alla rivoluzione attuata dalle cripto valute.

Se ti interessa di questo mondo e credi di poter vendere qualche tua opera, continua la lettura. Ecco cosa troverai in questo articolo:

Cosa sono questi NFT

Partendo dalle basi, la parola NFT sta per non-fungible token.

Se non mastichi bene il termine, puoi pensare ad esso come ad un certificato digitale di autenticità per un determinato prodotto.

Nel mondo reale, opere d’arte classiche, antichità e altri oggetti storici, sono spesso venduti all’asta con una ricevuta che ne certifica l’autenticità.

Gli NFT servono allo stesso scopo ma per oggetti puramente digitali e non presenti nel mondo reale.

Questi NFT, permettono a GIF, video, foto JPEG o PNG e praticamente qualsiasi altro formato digitale, di essere certificati come unici.

La tecnologia dei non-fungible-token, permette un nuovo tipo di proprietà per i file digitali che prima non era possibile in alcun modo.

Gli NFT possono essere acquistati, raccolti, scambiati, venduti e persino distrutti proprio come gli oggetti fisici che possediamo nel mondo reale.

Grazie al blockchain, queste opere d’arte trasformate in NFT, sono dotate di una transazione trasparente e di uno storico prezzi visibile a chiunque abbia una connessione internet.

Il processo di trasformazione del tuo lavoro in un NFT è noto come conio, che si riferisce all’atto di creare un nuovo token sulla Blockchain che sarà collegato per sempre a quel contenuto.

Quando un artista conia un nuovo NFT, allega una commissione incorporata (di solito intorno al 10-30%) che riceverà ogni volta che l’opera sarà rivenduta in futuro.

Inizia a vendere NFT nel tuo marketplace preferito. Ce ne sono tanti che si occupano della vendita, acquisto e scambio di queste opere d'arte.

Inizia a vendere NFT

Non hai bisogno di una conoscenza approfondita delle criptovalute per creare un NFT, ma ci sono alcuni strumenti necessari per iniziare, come un portafoglio cripto e qualche euro in Ethereum.

Se questi termini non ti sono familiari, va bene così, in quanto ti guiderò passo dopo passo nel processo. Puoi impostare tutto in pochi minuti e dal tuo telefono.

Ricorda che dovrai acquistare Ethereum, in quanto, i tanto discussi Bitcoin, non possono essere commerciati con questo tipo di beni.

Imposta un portafoglio Ethereum

Il primo passo nel tuo viaggio per guadagnare con NFT è quello di creare un portafoglio digitale dove potrai conservare in modo sicuro la criptovaluta che viene utilizzata per acquistare, vendere e creare NFT.

Il portafoglio ti permette anche di accedere in modo sicuro e creare account sui mercati di NFT.

Ci sono centinaia di piattaforme che forniscono portafogli gratuiti per l’archiviazione di criptovalute ed ho provato tutte le opzioni che menzionerò in questa guida.

Portafoglio Coinbase

Il portafoglio Coinbase è un’ottima soluzione per i principianti e per coloro che non sono pratici con il mondo delle cripto valute.

Coinbase è una delle piattaforme più grandi per scambiare cripto valute online e il loro portafoglio è una buona opzione per coloro che non sono molto esperti.

Portafoglio Metamask

Il portafoglio Metamask è disponibile come estensione del browser e come app per smartphone.

Metamask è un portafoglio utilizzato da più di un milione di appassionati di criptovalute in tutto il mondo, nonostante il suo utilizzo non sia semplicissimo, però molto sicuro.

Nonostante questo, il portafoglio si connette facilmente con la maggior parte delle app di criptovalute e dei mercati NFT, rendendo immediato il trasferimento di ethereum nei vari siti.

Acquista un pò di Ethereum per iniziare, in quanto, questo, ti servirà per creare e dare vita alle tue opere nel mondo degli NFT.

Acquista un pò di Ethereum

Sulla maggior parte dei marketplace di arte digitale, ci sono commissioni associate alla trasformazione dei contenuti in NFT da pagare in Ethereum.

Ne parlerò più avanti, ma, nel frattempo, è necessario acquistare un pò di questo Ethereum per coprire i costi di creazione del tuo primo NFT.

Il prezzo di Ethereum fluttua di secondo in secondo e può essere difficile da tenere sotto controllo.

Il modo più semplice per iniziare è scegliere un importo in euro che si è disposti a investire e acquistare esattamente quella quantità di Ethereum.

Collega il tuo portafoglio a un marketplace NFT

Una volta che il tuo portafoglio è impostato e hai acquistato Ethereum, è il momento di scegliere un marketplace dove vuoi creare un NFT e pubblicare il tuo lavoro.

Per i creatori che hanno appena iniziato con gli NFT, suggerirei di pubblicare le proprie opere su Rarible, in quanto il sito ha la configurazione più semplice tra quelli che ho provato.

Per collegare il tuo portafoglio a Rarible, vai al sito e clicca sul pulsante connect nell’angolo in alto a destra dello schermo.

Dalla schermata successiva, seleziona l’opzione WalletConnect se stai usando Metamask. Clicca invece su WalletLink se stai usando Coinbase Wallet.

Non importa quale portafoglio stai usando, il passo successivo sarà più o meno lo stesso.

Dopo aver selezionato la tua opzione di connessione, un codice QR apparirà sullo schermo. Usa l’applicazione del tuo portafoglio per scansionare questo codice.

Una volta che hai scannerizzato il codice, conferma che vuoi collegare il tuo portafoglio a Rarible.

Dopo aver collegato un portafoglio, il tuo account Rarible viene immediatamente generato. Ora hai tutto quello che ti serve per creare, coniare e vendere il tuo primo NFT.

Vuoi sapere dove vendere gli NFT? Io, Giuseppe Faraone, ho provato qualche sito prima di scrivere la mia recensione. Ecco una lista dei migliori marketplace NFT.

Dove vendere NFT

Nuovi marketplace di NFT stanno spuntando su base giornaliera, dato che l’interesse per questa tecnologia continua a crescere.

In questa sezione, esamineremo alcuni dei più grandi mercati online e discuteremo gli obiettivi unici di ciascuno di essi per aiutarti a prendere una decisione sul dove vendere i tuoi NFT online e sicuro.

Ovviamente, se vuoi iscriverti su un marketplace di NFT diverso da questi, fai una ricerca per assicurarti che il sito sia affidabile e con una buona reputazione.

Zora

Partiamo da Zora è un marketplace costruito saldamente intorno all’idea che i creatori di contenuti dovrebbero riprendere il controllo del loro lavoro dalle principali piattaforme.

Questo marketplace permette ai creatori di vendere immagini, video, file audio e persino documenti di testo.

La piattaforma si sta posizionando come una delle destinazioni più cool per i venditori e compratori di NFT e sta già collaborando con grandi artisti musicali.

Rarible

Rarible è uno dei siti più accessibili per creatori e collezionisti che cercano di entrare nel mondo dei contenuti NFT su internet.

Nonostante internet sia pieno di siti web, Rarible è una delle poche destinazioni NFT che permette ai nuovi creatori di iniziare a vendere senza attesa.

Le vendite dei lavori sul sito variano ampiamente, con pezzi che vanno da pochi euro a decine e centinaia di migliaia.

SuperRare

SuperRare si vanta di essere il miglior marketplace NFT per artisti digitali. In questo marketplace non troverai meme, messaggi di testo o semplici effetti sonori.

La collezione di SuperRare è altamente curata e il team è stato intenzionalmente lento nell’inserire nuovi creatori nella piattaforma.

Il risultato è che sfogliare SuperRare è come entrare in una galleria digitale d’elite. Il sito ha una straordinaria selezione di NFT che riflette migliaia di ore di lavoro dell’artista.

OpenSea

OpenSea è stato uno dei primi marketplace NFT istituiti e presenta un’enorme libreria di contenuti con prezzi su tutta la linea.

Il sito tratta tutti i tipi di NFT, dall’arte digitale agli oggetti da collezione in 3D e a quelli usati nei videogiochi.

OpenSea è anche completamente aperto ai nuovi arrivati, rendendo facile iniziare a vendere il proprio lavoro.

Il sito è estremamente accessibile a coloro che sono alle prime armi con gli NFT e ha una delle migliori esperienze di navigazione dei pezzi che abbia mai visto.

Ecco come creare un NFT e metterlo subito online, in modo da poter guadagnare da subito grazie alla tua arte digitale.

Come creare un NFT

Adesso che sai come vendere e quanto potresti guadagnare con una opera in NFT, vediamo come creare queste opere.

Creare un file di arte digitale

Non c’è una tecnica specifica per creare un’opera d’arte che possa essere usata come NFT in questi marketplace online.

Se il file che crei è supportato dal marketplace dove stai inserendo il contenuto, allora potrà essere venduto come NFT.

Questo apre un nuovo mondo di possibilità per il contenuto che puoi monetizzare.

Ovviamente, le opere d’arte in formato visivo sono quelle che potrai vendere più facilmente. Illustrazioni, dipinti o video vanno per la maggiore nel mondo degli NFT.

Aspetta le offerte

Dopo aver elencato la tua arte, chiunque può trovarla e fare un’offerta per il tuo NFT.

Per qualche ragione, la maggior parte delle piattaforme richiede ai creatori di controllare le offerte e non ti avvisano quando ne arriva una.

Per quanto riguarda la promozione dei tuoi NFT, questa non può essere fatta nella piattaforma che ospita le tue opere. Per quale motivo? Semplice, questa non è una funzione supportata.

Dovrai occuparti tu stessi di promuovere il tuo lavoro sui vari social media, assicurandoti di raggiungere le persone giuste.

Potrai farlo usando la pubblicità di Google, nonostante ti consiglio di leggere bene i termini e condizioni, in quanto non vedono di buon occhio le cripto valute.

Guadagno sulla vendita

Ricorda che il guadagno generato dalla vendita delle opere NFT, viene dato in cripto valute. Esatto, non in euro o dollari.

Questo vuole dire che dovrai scambiare queste monete prima di poterle prelevare sul tuo conto corrente, tramite un exchange come Binance.

L’operazione non è semplicissima e ti consiglio di consultare i loro tutorial nel caso in cui ti trovassi bloccato, senza sapere come fare.

In alternativa, puoi anche contattarmi. Sarò felice di darti una mano e spiegarti passo dopo passo quello che c’è da fare. Con questo abbiamo concluso, buona fortuna con la vendita dei tuoi NFT!

Hai qualche domanda?

Come guadagnare con gli NFT?

Per guadagnare con gli NFT, l’unico metodo è creare le tue opere in un qualsiasi formato supportato, audio, video o testo, caricarla su una delle piattaforme che si occupano della vendita di questi prodotti come Zora, Rarible e Opensea, decidere un prezzo base d’asta o di acquisto diretto e attendere qualche acquirente.

Cosa sono gli NFT?

Sostanzialmente, questi NFT, sono un certificato digitale di autenticità per un determinato prodotto che non esiste nel mondo reale. Diciamo che le opere d’arte classiche, antichità e altri oggetti storici, sono spesso venduti all’asta con una ricevuta che ne certifica l’autenticità. Gli NFT hanno un certificato virtuale, legato ad una stringa nel blockchain.

Come creare un NFT?

Diciamo che se il file che vuoi creare è supportato dal marketplace su cui vuoi vendere, allora potrà essere venduto come NFT. Questo, virtualmente, significa che non hai limite alla vendita dei tuoi prodotti sul web, purchè non siano tangibili e presenti nel mondo reale. Se sei un artista, avrai probabilmente illustrazioni o canzoni che potrai iniziare a vendere da subito.

2 commenti su “Come guadagnare con gli NFT”

  1. Salve, come poso vendere su Opensea senza pagare…. mi dice sempre che non ho credito, e anche vero, ma ce la posibilitta vedere senza pagare? Grazie mille.

    Rispondi
    • Buongiorno Ginetta!

      Purtroppo non c’è modo di non pagare le fee di Opensea. Diciamo che lo fanno per evitare che chiunque riempa il loro marketplace con NFT spazzatura e che il sito – di conseguenza – diventi una piattaforma di cattiva fama. Quando io pagai la fee di registrazione, credo fosse intorno ai 19 euro. Nota che questa può cambiare a seconda del prezzo di Ethereum, quindi, al momento, sarà un pò più alta rispetto a prima.

      Tutto sommato credo sia una cifra sostenibile nel caso in cui volessi vendere NFT in maniera seria e costante. Ricorda che, oltre a questa fee di apertura, Opensea trattiene il 2.5% su tutte le vendite finalizzate nella sua piattaforma.

      In “difesa” di Opensea, ti posso dire che questo marketplace di NFT è il più facile da utilizzare ed è aperto a chiunque. Gli altri marketplace che ho citato nel mio articolo hanno molte più restrizioni e le tempistiche di approvazione sono lunghissime.

      Vedi questa piccola fee iniziale come un investimento sul tuo guadagno futuro che realizzerai nel sito. Se vuoi un consiglio, ho notato che MOLTISSIMI artisti NFT, usano Twitter per taggare e commentare nei post dei founder di criptomonete celebri (soprattutto DeFi), noti per il loro amore verso questo tipo di opere. Questo per farsi notare e farli capitare nei loro profili, dove pubblicizzano le loro opere.

      In genere, i prezzi di acquisto delle opere più acquistate variano da 0.1 a 0.5 ETH. Nel caso in cui volessi pagare questa fee e non sai come fare, segui questi passi:

      • Installa l’estensione “Metamask” su Chrome o Firefox. Con questa avrai un indirizzo ERC 20 per accedere a Opensea.
      • Acquista un pò di ETH su Coinbase (soluzione semplice) o Binance. Ricorda che dovrai pagare il gas per muoverlo.
      • Invia l’ammontare di ETH al tuo indirizzo ERC 20 di Metamask. L’operazione richiederà qualche minuto
      • Adesso potrai pagare la fee per vendere i tuoi NFT su Opensea.
      Rispondi

Lascia un commento



Giuseppe Faraone, autore di MTWBenvenuto, mi chiamo Giuseppe Faraone e da anni mi occupo della gestione di pagine web, incluso SEO, monetizzazione e PPC. Quello che ho imparato durante i miei anni di esperienza in questo settore è che generare traffico è solamente il primo passo verso un concreto guadagno online. Ci sono decine di modi per aumentare il proprio ROI e successo in rete, per questo, con MTW (monetize the web) andrò a recensire tutte le risorse a disposizione su internet per monetizzare il proprio traffico.