Guida Amazon FBA

Tempo di lettura: 26 minuti (3590 parole)
Guida attualizzata nel mese di Settembre 2020

Guida di Giuseppe Faraone su Amazon FBA (fullfillment by Amazon) in Italiano. Nella foto un uomo esulta dopo una vendita eseguita con successo.

Amazon FBA consente di far crescere la tua azienda e raggiungere un maggior numero di clienti, offrendo diversi vantaggi.

Il nome, viene tradotto in fullfillment by Amazon, ovvero il pieno carico di Amazon di ogni dovere relativo a spedizione e gestione dei pacchi.

Tra questi possiamo citare la consegna rapida con Amazon Prime e la vendita semplificata in tutta Europa. Insomma, molti vantaggi: ma è davvero tutto oro quel che luccica? Andiamo a scoprirlo insieme nella nostra guida.

Aspettative

La mia guida si addentrerà nel mondo di vendere con Amazon FBA, un metodo di guadagno molto discusso e amato dai giovani, nonostante ci sia qualche insidia nascosta.

Vendere con Amazon FBA non è rose e fiori, in quanto esistono scomodi retroscena.

Prima d’iniziare a vendere con Amazon FBA, assicurati di conoscere alla perfezione la nicchia in cui hai deciso di operare. Questo in quanto la vendita di questo tipo è altamente competitiva.

Cominciamo da un’analisi prezzi del servizio offerto da Amazon FBA.

Costo del servizio

Su Amazon esistono due tipologie di venditori: quelli con l’account Base e quelli con l’account Pro.

Il primo tipo di account è per chi necessita vendere piccole quantità di merce, ovvero meno di 40 pezzi al mese. Non viene richiesto alcun pagamento fino all’effettiva vendita e non è prevista una quota di abbonamento mensile da pagare ad Amazon.

Il piano di commissioni prevede 0,99 centesimi ad acquisto più le commissioni di vendita.

L’account Pro invece, prevede più di 40 vendite al mese ed è l’offerta più conveniente in caso di grandi volumi di vendita.

C’è da pagare una quota di abbonamento mensile che ammonta a 39€ più IVA a cui si aggiunge il pagamento delle commissioni di vendita.

Bisognerebbe poi però considerare altri 4 costi collegati all’apertura di un’attività su Amazon:

  • L’acquisto dell’inventario iniziale, che ha un costo di 150€;
  • L’acquisto di codici UPC, con un costo ridotto di soli 10€;
  • Un investimento da fare in fotografia dei prodotti, per un totale di circa 295€;
  • La creazione di un logo o del marchio del prodotto che si aggira sui 24€.

Come budget iniziale, fossi in te, mi terrei su un budget che va da 224€ a 510€, giusto per non stare troppo stretti e tralasciare qualcosa.

Funzionamento Amazon FBA

Il funzionamento di Amazon FBA è molto semplice: tu vendi e Amazon spedisce. Le fasi di sviluppo del processo, nel dettaglio, sono le seguenti:

  • Il venditore invia la merce richiesta al centro di immagazzinaggio di Amazon. I prodotti ricevuti vengono memorizzati e immagazzinati;
  • Amazon controlla l’inventario e monitora le movimentazioni attraverso un tracking di riferimento;
  • Nel momento in cui il cliente finale ordina sul sito di Amazon, uno dei prodotti che si trovano all’interno dei suoi magazzini, viene imballato dallo staff del sito;
  • Amazon spedisce poi i prodotti con il metodo scelto dai clienti e fornisce loro le informazioni per il tracking;
  • Infine, lo staff si occupa del servizio clienti e della gestione dei resi.

FBA funziona non solo su Amazon, ma anche su altre piattaforme o sugli ordini che provengono dal loro sito.

Diversi canali, un solo cervello

Per ogni canale di vendita Amazon memorizza l’inventario e gestisce in un unico centro gli ordini ovunque essi siano.

Entrando a far parte di questo circuito potrai aumentare i tuoi possibili acquirenti, considerato anche che con Prime i clienti tendono solitamente a spendere di più.

Coloro che utilizzano il servizio FBA hanno una maggiore probabilità di vincere la Buy Box. Questa box costituisce un 82% delle vendite di Amazon.

Per chi non lo sapesse, la Buy Box di Amazon è quel riquadro nella colonna di destra in cui è possibile aggiungere un prodotto al proprio carrello, per poi comprarlo.

Un uomo, dubbioso, non sa qualche opzione scegliere. Per fortuna c'è la guida alla registrazione su Amazon FBA ad aiutarlo.

Creare un conto

La prima cosa da fare è creare il tuo account venditore, per iniziare a vendere i tuoi prodotti tramite la piattaforma. In questo modo avrai accesso al pannello di controllo seller central.

L’iscrizione è gratuita e le commissioni saranno addebitate solo in caso di vendita effettiva. Ciò che ti occorre per l’iscrizione sono: i dati della carta di credito, il numero di telefono, i dati anagrafici e le tue coordinate bancarie.

Per fornire queste informazioni ti basterà accedere al tuo account, andare su Impostazioni e cliccare su Informazioni dell’account. Qui dovrai cliccare sull’area in rosso. Tutto ciò sarà necessario per aprire il tuo conto di pagamento per la vendita su Amazon.

Durante questo processo è anche disponibile una funzione d’aiuto. Puoi consultare le FAQ o vedere l’apposito video tutorial.

La verifica dell’identità è richiesta obbligatoriamente per legge. Inoltre, devi accettare le regole di utilizzo di Amazon Payments Europe, soprattutto se vendi uno di questi prodotti: alcolici, farmaci, prodotti per adulti, integratori alimentari, coltelli, lenti graduate e a contatto.

Ricorda anche che le informazioni inserite, in fase di verifica non possono essere cambiate. Alcuni dei documenti ricorda che devono essere datati agli ultimi 90 giorni. Gli estratti di registrazione restano disponibili per i tre mesi successivi.

Trovare prodotti da vendere su Amazon

Devi sapere che il segreto per vendere su Amazon è trovare i prodotti che rendono di più. Devi trovare i prodotti più richiesti che al tempo stesso abbiano la minor concorrenza. La regola è quella di posizionarsi sul mercato con una forte domanda ma un basso approvvigionamento.

Il catalogo di Amazon contiene milioni di prodotti che puoi esaminare, i metodi per individuare gli articoli più interessanti sono i seguenti.

Usare direttamente la piattaforma del brand

Nella sezione Amazon Bestseller puoi avere una giusta guida per la scelta.

Qui puoi trovare i prodotti più venduti e selezionarli suddividendoli in categorie e sottocategorie. In quest’ultime solitamente c’è meno competizione.

Se vuoi ampliare il tuo raggio d’azione, ti consiglio di dare un’occhiata anche ai prodotti correlati. Un altro metodo è quello di analizzare i prodotti degli altri venditori ed ispirarsi.

Oppure usa la barra di ricerca per la ricerca di prodotti specifici. Infine, puoi dare un’occhiata alla sezione dei Best Seller dove troverai le novità più interessanti. Si tratta solitamente di prodotti con poche recensioni perché appena entrati sul mercato.

Usare un software adatto

Esistono diversi programmi automatici che possono aiutarti nella ricerca dei prodotti ideali da vendere.

I migliori sono Web App Jungle Scout che ti offre la possibilità di scansionare prodotti Amazon filtrando metriche come il prezzo, la domanda, le vendite stimate, la stagionalità.

Quando scovi dei prodotti potenziali ti basterà aggiungerli alla funzione product tracker e iniziare a seguire la loro attività di vendita.

C’è poi Viral Launch Product Discovery Search, che funziona più o meno allo stesso modo. La ricerca qui, oltre che per prodotti funziona anche per parola chiave. Infine, abbiamo Merchant Words e Jump Send.

Utilizzare Alibaba

Qui ti basterà cercare i prodotti che vuoi vendere, in inglese, per valutare tutta una serie di metriche utili. Ricorda che questo è un metodo molto diffuso, pertanto la competizione sarà decisamente alta.

Fare una ricerca

Tutti i siti sopra menzionati, utili alla ricerca dei prodotti da vendere, funzionano all’incirca nello stesso modo. Ma ecco qualche consiglio utile per condurre delle buone ricerche di prodotto:

  • Scrivi 2-3 parole chiave associate ai prodotti di tuo interesse. Non andare troppo nello specifico, rimani sul generale. In questo modo avrai accesso ad un database maggiore;
  • Scegli quei prodotti che hanno il massimo delle stelle ma meno di 40 recensioni. Questo significa che avrai meno concorrenza;
  • Investi il giusto tempo per fare le tue ricerche. Non avere fretta.

Individuare le opportunità

Individuare le giuste opportunità significa anche guardarsi costantemente attorno. Pensa a quali oggetti non potresti in nessun modo fare a meno? Quali prodotti rendono la tua vita più semplice? C’è qualcosa che è particolarmente difficile reperire in supermercati o negozi fisici?

Le risposte a queste domande potrebbero essere decisive nel momento in cui devi scegliere cosa vendere. Le idee migliori solitamente derivano da viaggi ed esperienze, ma anche dalla vita di tutti i giorni. Porta sempre con te un taccuino, osserva la gente intorno a te cosa cerca, pensa a cosa cerchi tu.

Guarda e analizza anche i trends del momento. Cosa compra di più la gente? Segui le varie ricorrenze e stagionalità. Il web per questo è una risorsa preziosissima. Evita solo di guardare siti come TrendHunter e SpringWise, potrebbero essere fuorvianti perché servono ad altri scopi.

Per vendere i tuoi prodotti dovrai creare un annuncio; ecco come fare. Nella foto c'è un uomo con un trofeo in mano.

Pubblicare il prodotto

Per iniziare a vendere, come commerciante dovrai registrarti sul portale Seller Central di Amazon.

Questa è l’interfaccia che utilizzerai per catalogare e gestire i tuoi ordini. Molto semplice da utilizzare ed intuitiva. Basta seguire le istruzioni sul portale per ottenere il catalogo dei prodotti all’interno del tuo catalogo.

Una volta che quest’ultimo è completo puoi iniziare a vendere, devi guidare ipotetici clienti verso i tuoi prodotti.

La descrizione prodotto deve attrarre e convincere, aggiungi anche delle immagini accattivanti che rappresentino al meglio il prodotto. Per la commercializzazione dei tuoi prodotti puoi ricorrere agli earned media, ai canali già in tuo possesso e a sponsorizzate a pagamento.

Creare un piano di spedizione

Avrai a disposizione la spedizione di piccoli colli che serve per recapitare articoli etichettati individualmente per la consegna.

Si tratta di spedizioni di piccole dimensioni inviate tramite DHL, UPS, FedEx e servizi di spedizione postale. I pacchi per questo tipo di spedizione devono rispettare i seguenti criteri:

  • Le unità all’interno di ogni collo devono essere preparate attraverso specifici criteri dati da Amazon;
  • Avere un’etichetta di spedizione di Logistica di Amazon e l’etichetta del corriere;
  • Non devono pesare più di 22 KG a meno che non contengano un prodotto fuori misura;
  • Non devono superare i 63 pollici su ciascun lato

Esiste poi la spedizione a carico parziale o completo, ideale per scatole o pacchi fissati su pellet, o inviati tramite rimorchi e container. Un camion solitamente contiene pacchi per diverse destinazioni. Questo tipo di spedizioni richiedono la presa di un appuntamento per la consegna.

Fotografie dei prodotti

Ci sono diversi modi per aggiungere l’immagine di un prodotto su Facebook:

  • Usare la funzione aggiungere un prodotto per aggiungere un’immagine durante la creazione della tua nuova offerta;
  • Usare la funzione gestisci il tuo inventario per cambiare o aggiungere un’immagine ad un’offerta esistente;
  • Utilizzare il file inventario, specificando l’URL dell’immagine del prodotto nel modello.

Le immagini che andrai ad inserire dovranno essere di alta qualità, nitide e ben scattate. Le immagini sono il primo riscontro che i tuoi potenziali clienti hanno del tuo prodotto. Devono essere altamente attrattive, luminose e con la giusta inquadratura.

Ottimizzare un annuncio

Il primo modo per ottimizzare correttamente un annuncio è inserire delle parole chiave che aiutino l’utente a trovare il prodotto.

Attenzione anche al titolo e alla descrizione. Quest’ultima deve essere esaustiva e veritiera. Fornendo informazioni complete e pertinenti contribuisci a incrementare la visibilità dei tuoi prodotti e ad aumentare le vendite.

Ogni singola parola del nome del prodotto può essere ricercata indipendentemente. I titoli devono essere di circa 60 caratteri.

Inoltre, puoi aggiungere altre parole chiave ai dati di un ASIN in catalogo per descrivere il prodotto. Cerca di non includere identificativi dei prodotti come i nomi dei marchi. Non fornire mai informazioni sbagliate o troppo lunghe.

Rispetta sempre i limiti stabiliti per i vari campi e non includere affermazioni che valgono per periodi limitati di tempo.

Usare Alibaba

Alibaba è utilissimo per comprare prodotti da rivendere poi su Amazon.

Si tratta di un sito cinese perfetto per acquistare all’ingrosso, soprattutto grandi quantità dello stesso prodotto. Un fattore da tenere in considerazione è che gli acquisti non vengono effettuati direttamente dal sito ma mettendosi d’accordo direttamente con i fornitori.

Da commerciante tu dovrai accertarti che il fornitore dal quale stai acquistando sia affidabile. Alibaba, per farti stare più tranquillo, ti consiglia dei fornitori d’oro, ossia aziende la cui identità è stata certificata dal sito.

Li riconosci facilmente perché presentano una medaglia d’oro accanto al nome.

Valuta sempre bene le quantità minime acquistabili, le condizioni e i prezzi. Nel momento in cui sei interessati ti basterà cliccare su contattare fornitore.

Secondo la mia esperienza ti raccomando di fare sempre attenzione su Alibaba e richiedere se possibile un campione di prodotto al fine di evitare spiacevoli sorprese.

Questo sito è usato anche da coloro che creano funnels di vendita, in modo da massimizzare il proprio ROI.

Negoziare con i venditori

La prima cosa da sapere è che la maggioranza dei fornitori cinesi lavora con bassissimi margini di guadagno, stiamo parlando del 2-4%.

Chiedere quindi uno sconto sulla merce del 10% equivale a farti dare le merci e farli andare in perdita. Il massimo dello sconto che possono fornirti sarà del 2%.

Nei casi in cui i fornitori accettino è perché probabilmente ti invieranno materiale di pessima qualità. Il mio consiglio è quindi quello di far capire subito al tuo fornitore il limite oltre il quale non sei disposto a spendere.

In questo modo riuscirete più facilmente ad arrivare ad un accordo vantaggioso per entrambi.

Bisogna negoziare anche nel momento opportuno, un fornitore accetterà di farti uno sconto solo quando capirà che altrimenti tu non accetteresti, rivolgendoti a qualcun altro.

Quanto costa vendere con Amazon FBA? Ecco uno specchietto con i costi. Nella foto ci sono due uomini e uno dei due sembra dubbioso.

Calcolare i costi

Amazon, direttamente sul suo sito, propone un simulatore di costi per far capire a chi vende quanto potrebbe guadagnare con i propri prodotti. Amazon ricorda che guadagna sempre il 15% dalle tue vendite.

Per calcolare correttamente i costi, ciò di cui devi tenere presente è anche:

  • Costo prodotto;
  • Spese di spedizione;
  • Percentuale della piattaforma (su prodotto, spedizione ed IVA);
  • Costo del personale che ti aiuta;
  • Costo di uffici, magazzini, etc;
  • Costo di gestione della logistica;
  • Costi imballaggi;
  • Tasse del personale;
  • Commercialista;
  • Consulente del lavoro;
  • Tasse varie sull’attività;
  • Bollette;
  • Prodotti danneggiati o smarriti;
  • Resi che non possono più essere venduti.

Ciò che si riesce a tirar fuori è circa il 35% netto. Per aumentare notevolmente gli utili è necessario fare grossi volumi e lavorare molte più ore, di conseguenza aumentare il personale.

Punti a favore

Cerchiamo ora di capire quali sono i pro del vendere su Amazon.

Il primo è quello di riuscire ad offrire i propri prodotti ad un pubblico potenzialmente infinito. Inoltre, da non sottovalutare la facilità di utilizzo della piattaforma. Mettere in vendita un oggetto è semplice ed immediato.

Appetibile anche la modalità di gestione della logistica, che è completamente libera.

Si può scegliere a chi affidare le proprie consegne, se affidarsi completamente alla logistica Amazon che si occuperà anche di stoccaggio della merce, scelta dei corrieri e gestione del reso. In alternativa puoi fare tutto tu in autonomia.

Convenienza

Uno dei punti a favore del vendere su Amazon è sicuramente la convenienza.

Le percentuali richieste dalla piattaforma non sono altissime e ad un prezzo ragionevole è possibile affidare alla loro logistica tutto il processo di spedizione, gestione, consegna e reso. Inoltre, è possibile scegliere tra due tipologie di account quello più conveniente alle tue esigenze.

Multicanalità

Vendendo su Amazon hai la possibilità di utilizzare la gestione multicanale. Per far ciò è necessario che il tuo inventario sia pubblicato sulla piattaforma.

Gestione multicanale è un programma di logistica di Amazon che provvede a stoccare il tuo inventario nei loro centri logistici.

Uno degli strumenti utili di questo programma è quello che permette al venditore di creare spedizioni e inviare ordini che saranno interamente gestiti da Amazon, assistenza compresa.

Spedizioni Prime

Infine, tra i vantaggi abbiamo la spedizione Prime, uno degli elementi di punta di Amazon.

Per qualificarsi e aderire a Prime, un venditore deve avere un account da venditore professionale e utilizzare il programma di spedizione.

I venditori che vendono sulla piattaforma da più di 90 giorni si qualificano direttamente per la spedizione Premium. I vantaggi di prime sono: velocità nella consegna, sicurezza nel pagamento, resi per merce difettosa e tutela a 360° per il compratore. Questo ti permette di avere molti più clienti.

Punti a sfavore

Ma veniamo ora ai punti a sfavore del vendere su Amazon.

Purtroppo, non è tutto oro ciò che luccica. Spesso, senza avere dei ganci interni o non essendo partner di Amazon, non è così semplice riuscire ad aprire un account operativo.

Le cose da verificare sono parecchie e il tempo per farlo potrebbe diventare tanto.

Per ottenere Prime dovrai inoltre, rispettare molte rigide regole, pensa l’esclusione dal programma. Non puoi sgarrare neanche una volta. Infine, preparati a fare anche logistica e preparare pacchi, almeno all’inizio.

Costo del servizio

Amazon trattiene una percentuale del fatturato e un piccolo costo per ogni ordine da gestire e spedire.

Ovviamente, in tutto ciò è compreso anche il costo della spedizione, che solitamente è di un terzo rispetto a quello che pagheresti tu anche con il miglior contratto sul mercato.

Possibili ritardi

Secondo la politica di Amazon, i venditori devono mantenere una percentuale spedizioni in ritardo inferiore al 4% per poter continuare ad utilizzare la piattaforma.

Una percentuale di ritardo superiore infatti, può comportare la disattivazione dell’account.

La percentuale spedizioni in ritardo rappresenta il totale degli ordini con spedizione confermata dopo la data di spedizione prevista diviso per il numero totale di ordini, su un periodo di 10 o di 30 giorni.

Ecco come si automatizzano le vendite su Amazon FBA. Nella foto c'è un uomo che esplora diverse opzioni nel suo computer.

Automatizzare Amazon FBA

L’integrazione con il servizio logistico di Amazon consente ai venditori online di automatizzare completamente i processi post-vendita, indipendentemente da quale sia il canale che ha generato la vendita.

Il programma Paneuropeo consente di gestire le vendite in tutta Europa, inviando la propria merce ad un unico magazzino Amazon. Sarà poi il servizio stesso a movimentare la merce negli altri magazzini europei per ottimizzare i movimenti.

Esiste anche un’integrazione offerta da bindCommerce che prevede l’automatizzazione dei seguenti processi:

  • Il prelievo delle quantità di magazzino aggiornate da FBA per poter aggiornare i vari canali di vendita;
  • Il trasferimento al servizio FBA degli ordini da evadere di propria competenza;
  • L’acquisizione da FBA dello stato di aggiornamento degli ordini e dei codici di tracciabilità delle spedizioni.

Alternative Amazon FBA

Esistono diverse alternative ad Amazon FBA che puoi utilizzare per il tuo business, vediamo le principali.

Dropshipping

Il Dropshipping è un vero e proprio modello di business per e-commerce basato sul commercio elettronico.

Prevede un unico investimento iniziale, ovvero il costo di realizzazione del sito da utilizzare per vendere su internet.

È la soluzione più indicata per i venditori che vogliono proporre ai propri utenti l’acquisto di prodotti che non posseggono realmente, ma che sono messi a disposizione del pubblico tramite accordi stipulati tra esercenti e produttori.

Chi ha uno store fa da tramite tra fornitore e consumatore, senza doversi preoccupare di reperire o consegnare il prodotto.

Per avviare un negozio online di successo con questo metodo dovrai concentrarti su due fattori:

  1. Lo sviluppo di una manovra di marketing, che permetta di trovare-attirare quanti più clienti possibili, utilizzando servizi di posizionamento dei siti, pubblicità online;
  2. La ricerca di un fornitore affidabile che si occupi in autonomia della gestione di magazzino, dell’inventario, dello stoccaggio, della spedizione e della ricezione dei prodotti.

Parlando dei vantaggi di dropshipping sono che il venditore è libero di scegliere il target a cui rivolgersi, gli articoli da proporre e i paesi su cui puntare. Inoltre, non dovendo possedere direttamente la merce si evita tutta una serie di problematiche.

Ebay

In alternativa ad Amazon FBA c’è Ebay, per vendere qui è necessario creare un account gratuito. I prezzi per vendere su questa piattaforma sono i seguenti:

  • Un venditore non professionale ha a disposizione 50 inserzioni gratuite al mese nei formati Compralo Subito ed Asta online. Dopo questo limite ogni inserzione costa 0,35 centesimi;
  • Gli utenti che hanno il proprio negozio base hanno a disposizione 100 inserzioni gratuite al mese;
  • Per ogni prodotto acquistato ci sono le commissioni del 10% del valore totale delle transizioni;
  • Per i venditori professionali sono previste invece, 300 inserzioni gratuite più tariffe sulle commissioni finali che variano a seconda della categoria.

Facebook Marketplace

Marketplace è un luogo virtuale dove vendere e pubblicizzare articoli e inventario su Facebook marketplace, in modo da consentire alla tua azienda di raggiungere più clienti possibili.

Consente alle aziende di pubblicare inserzioni di prodotti, in affitto o in vendita, ma anche case e servizi a domicilio.

Gli annunci per essere approvati devono rispettare le norme di Facebook. Solitamente è consigliato per piccole aziende e attività, che vendono magari a livello locale e non in grossi volumi. Spesso è affiancato ad un altro sistema di vendita online.

Sei pronto per vendere con Amazon FBA? Nella foto c'è un uomo che conquista la vetta di una montagna.

Conclusione

Amazon FBA è un’ottima soluzione se vendi prodotti ricercati e con poca concorrenza. Se hai un’attività strutturata e vuoi eliminare il peso della logistica.

Inoltre, vendendo su questa piattaforma avrai sempre la sicurezza di avere alle spalle un grande brand di fama mondiale, che aiuta nella ricerca dei clienti.

In più, Amazon Prime è sinonimo di sicurezza, è una garanzia per tutti coloro che decideranno di acquistare da te. Da non sottovalutare anche la sua semplicità di utilizzo.

Se vuoi scoprire altri modi per guadagnare online, scopri la mia guida per monetizzare il traffico online.

Amazon FBA come iniziare?

Per iniziare a vendere su Amazon FBA ti basterà registrarti su Logistica Amazon, creare il tuo account inserendo i tuoi dati ed attendere la conferma del profilo venditore.

Amazon FBA come funziona?

Come un vero e proprio store online. Con Logistica di Amazon puoi aumentare la visibilità dei tuoi prodotti e il tuo potenziale di vendita. Ottenendo il logo Prime aumenterai la tua affidabilità e lascerai che sia Amazon ad occuparsi di tutte le operazioni di stoccaggio, consegna, resi. Così potrai vendere più facilmente in tutta Europa.

Come guadagnare con Amazon FBA?

Guadagnerai vendendo i tuoi prodotti direttamente sul tuo profilo venditore. Il consiglio è quello di fare un’attenta ricerca prodotti per valutare cosa è più ricercato dai tuoi potenziali clienti.

Come vendere su Amazon FBA?

Vendere su Amazon FBA è semplicissimo, ti basterà caricare il tuo inventario sulla piattaforma, decidere il prezzo e aderire al programma Logistica. Tu invierai la merce ad Amazon e loro penseranno al resto.

Cosa è Amazon FBA?

Logistica di Amazon consente di raggiungere un maggior numero di clienti offrendo vantaggi come la consegna rapida Prime e la vendita semplificata in tutta Europa. Non devi fare altro che inviare a loro i tuoi prodotti, e loro si occuperanno dello stoccaggio, della consegna ai clienti, dell’assistenza clienti e della gestione dei resi.

Giuseppe Faraone

Da anni mi occupo della gestione di pagine web, incluso SEO, monetizzazione e PPC. Quello che ho imparato durante i miei anni di esperienza in questo settore è che generare traffico è solamente il primo passo verso un concreto guadagno online. Ci sono decine di modi per aumentare il proprio ROI e successo in rete, per questo, con MTW (monetize the web) andrò a recensire tutte le risorse a disposizione su internet per monetizzare il proprio traffico.